PROTOCOLLO D’INTESA IN MATERIA DI FRODI ASSICURATIVE: L’IVASS, la Procura Generale della Repubblica di Lecce, le Procure di Brindisi e Taranto

20/11/2018

 

Il Protocollo disciplina e agevola la collaborazione e lo scambio di informazioni tra i soggetti firmatari al fine di rendere più efficace e tempestiva l’azione di prevenzione e contrasto delle frodi assicurative e di accelerare i tempi della giustizia.

Tra i punti dell’accordo è previsto che l’IVASS consentirà alle Procure l’accesso alla Banca Dati Sinistri, all’Anagrafe Testimoni e all’Anagrafe Danneggiati e fornirà, a richiesta, le informazioni dell’Archivio Integrato Antifrode.

Le imprese assicurative, dal canto loro, individueranno, all’interno delle proprie strutture organizzative, uno o più referenti abilitati ad acquisire e comunicare alle Procure le informazioni di interesse investigativo di cui siano in possesso.

Riccardo Cesari, Consigliere IVASS commenta così l’accordo sottoscritto: “Un’efficace lotta alle frodi richiede un forte coordinamento tra soggetti pubblici e privati. Questo protocollo è un importante passo in questa direzione".

Secondo Umberto Guidoni, Responsabile Auto di ANIA “La possibilità per le Procure di accedere alle banche dati dell'IVASS produrrà due effetti positivi: renderà più efficace l'attività antifrode delle imprese e sarà un deterrente per chi vuole intraprendere azioni speculative".