Fallimento Dentix Italia: cittadini senza tutela? Aggiornamento!

03/07/2020

AGGIORNAMENTO 03 LUGLIO 2020: 

Ieri l’azienda Dentix ha presentato un ricorso per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo in continuità per il risanamento dei propri debiti e per la riapertura dei propri centri operativi. Questa procedura permette ad un imprenditore, in stato di crisi, di poter evitare il fallimento attraverso la  presentazione di un piano, che consenta di soddisfare i creditori attraverso la continuità aziendale. In caso di assenso del tribunale i centri Dentix potranno riaprire. Nel caso in cui il Tribunale dovesse dichiarare inammissibile la domanda, si aprirà la procedura fallimentare.

Consigliamo ai consumatori di rivolgersi ai nostri sportelli per mettere immediatamente in mora la società. L'art 125 del Testo Unico Bancario (D.lgs n. 385/1993) e l’art. 40 del Codice del Consumo consentono al consumatore, nei contratti di credito collegati (c.d. mutuo di scopo) in caso di inadempimento da parte del fornitore dei beni o dei servizi, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, di risolvere il contratto di credito. Alla risoluzione segue l'obbligo della finanziaria di rimborsare al consumatore le rate già pagate, anche se l'importo è già stato versato alla Dentix. La finanziaria dovrà poi rivalersi nei confronti della Dentix,  chiedendo in restituzione l'importo.

La nostra Associazione è a vostra disposizione, contatteci alla email istituzionale milano@legaconsumatori.it oppure contattate la sede a voi più vicina che trovate nella sezione dove siamo del sito.